Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione nel web e offrire servizi in linea con le proprie preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Informazioni sui cookies"

Richiesta certificati

RICHIESTA CERTIFICATI

Constatate le numerose richieste di certificati che pervengono a questa amministrazione, si ricordano alcune norme fondamentali dettate dal D.P.R. 445/2000 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) e da altre importanti disposizioni in materia (L 183/11, art.15 c.1 L 183/11; Direttiva 22 dicembre 2011 del Ministero della Pubblica Amministrazione e della Semplificazione).

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 dicembre 2000, n. 445

"Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa

Articolo 46
Dichiarazioni sostitutive di certificazioni

1. Sono comprovati con dichiarazioni, anche contestuali all'istanza, sottoscritte dall'interessato e prodotte in sostituzione delle normali certificazioni i seguenti stati, qualita' personali e fatti:

a) data e il luogo di nascita;
b) residenza;
c) cittadinanza;
d) godimento dei diritti civili e politici;
e) stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero;
f) stato di famiglia;
g) esistenza in vita;
h) nascita del figlio, decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente;
i) iscrizione in albi, in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;
l) appartenenza a ordini professionali;
m)
titolo di studio, esami sostenuti;
n) qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica;
o) situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;
p) assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto;
q) possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria;
r) stato di disoccupazione;
s) qualità di pensionato e categoria di pensione;
t)
qualità di studente;
u) qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;
v) iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;
z) tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio;
aa) di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
bb) di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali;
cc) qualità di vivenza a carico;
dd) tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile;
ee) di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

Con il primo gennaio 2012 è entrata in vigore la modifica al DPR 445/2000 sulle certificazioni amministrative, introdotta dall’art. 15 della L. 12 novembre 2011, n. 183 e con cui si stabilisce che:

- Le certificazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Nei rapporti con gli organi della pubblica amministrazione e i gestori di pubblici sevizi i certificati e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli artt. 46,47, 75 e 76 del DPR 445/2000..

- Sulle certificazioni da produrre ai soggetti privati è apposta, a pena di nullità, la dicitura: "Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”.
- Le certificazioni da rilasciarsi da uno stesso ufficio in ordine a stati, qualità personali e fatti, concernenti la stessa persona, nell'ambito del medesimo procedimento, sono contenute in un unico documento.
- I certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni hanno validità illimitata. Le restanti certificazioni hanno validità di sei mesi dalla
data di rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedono una validità superiore.

-Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi sono tenuti ad acquisire d'ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive
di cui agli articoli 46 e 47, nonché tutti i dati e i documenti che siano in possesso delle pubbliche amministrazioni, previa indicazione, da parte dell'interessato, degli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti, ovvero ad accettare la dichiarazione sostitutiva prodotta dall'interessato.

- Ogni ufficio della P.A. è obbligata a ricercare essa stessa tutti  dati che già son in possesso del complesso di enti ed uffici della pubblica amministrazione.
- Il cittadino può richiedere certificati che attestino il suo stato o il possesso di certi requisiti, ma questi certificati non possono e non devono essere consegnati ad altri uffici pubblici; essi servono solo per attestare stati o fatti ai privati.
- Il funzionario della P.A. non può richiedere certificati né può riceverli. Il violare questa norma significa commettere un illecito disciplinare.
- Il cittadino per dimostrare alla P.A. il possesso dei richiesti requisiti deve semplicemente rendere o produrre una autocertificazione; se necessario il cittadino deve indicare elementi idonei a individuare l’ufficio pubblico presso cui si trovano le informazioni e i dati (ad. es. se dichiara di aver effettuato un certo versamento, deve indicare l’ufficio destinatario e la data del versamento).

- Fanno eccezione a questa normativa i certificati medici e sanitari.


Pertanto si invitano gli utenti ed il personale della scuola a volersi attenere a quanto disposto dalla normativa sopracitata, in particolare volendo servirsi della pratica della autocertificazione (quando prevista), nella prospettiva di una semplificazione delle attività amministrative.


 

Con l’occasione si comunica anche la tabella delle esenzioni relative ai certificati anagrafici, che enumera i casi in cui non è dovuta l’imposta di bollo. Nei casi non contemplati è invece necessario allegare alla richiesta di certificato la marca da bollo di euro 16,00.


 


 


 

Tabella delle esenzioni relative ai certificati anagrafici

Tabella D allegata alla legge 8 giugno 1962, n. 604 e successive modificazioni ed integrazioni

porre la crocetta per indicare l’esenzione

uso

riferimento normativo

imposta di bollo

 

Certificati rilasciati per l'esercizio dei diritti all'elettorato attivo e passivo (presentazione liste, accettazione candidature, ecc.).

DPR 642/72 Tab. B art. 1

ESENTE

 

 

Certificati rilasciati per la formazione degli elenchi dei giudici popolari e per la leva militare.

DPR 642/72 Tab. B art. 2

ESENTE

 

 

Certificati da produrre, anche dall'imputato, nell'ambito di procedimenti penali e disciplinari.

DPR 642/72 Tab. B art. 3

ESENTE

 

 

Certificati da produrre ai competenti uffici ai fini dell'applicazione delle leggi tributarie.

DPR 642/72 Tab. B art. 5

ESENTE

 

Certificati da produrre nell'ambito di un procedimento esecutivo per lariscossione dei tributi, dei contributi e delle entrate extratributarie dello Stato, delle Regioni, delle Province e dei Comuni.

DPR 642/72 Tab. B art. 5

 

ESENTE

 

Certificati rilasciati nell'interesse dei non abbienti per ottenere sussidi.

DPR 642/72 Tab. B art. 8

ESENTE

 

Certificati richiesti da società sportive su disposizione delle relative federazioni e di enti ed associazioni di promozione sportiva di appartenenza.

DPR 642/72 Tab. B art. 8bis

 

ESENTE

 

Certificati occorrenti per le pratiche relative ad assicurazioni sociali obbligatorie (INPS).

DPR 642/72 Tab. B art. 9

ESENTE

 

 

Certificati occorrenti per la liquidazione e il pagamento di pensioni, indennità di liquidazione, assegni familiari.

DPR 642/72 Tab. B art. 9

ESENTE

 

Certificati occorrenti per la iscrizione nelle liste di collocamento.

DPR 642/72 Tab. B art. 9

ESENTE

 

Certificati rilasciati per l'iscrizione, la frequenza e gli esami nella scuola dell'infanzia, scuola materna, e scuola dell'obbligo, per l'ottenimento di borse di studio e la riduzione delle tasse scolastiche.

DPR 642/72 Tab. B art. 11

ESENTE

 

Certificati da produrre nell'ambito di procedimenti giurisdizionali o amministrativi relativi a controversie: in materiagoogle.it/advanced_search di assicurazioni sociali obbligatorie; individuali di lavoro; in materia pensionistica; in materia di locazione di immobili urbani.

DPR 642/72 Tab. B art. 12

ESENTE

 

 

Certificati necessari per la concessione di aiuti comunitari e nazionali al settore agricolo e prestiti agrari.

DPR 642/72 Tab. B art. 21bis

ESENTE

 

Certificati da produrre nell'ambito delle procedure espropriative.

 

DPR 642/72 Tab. B art. 22

ESENTE

 

Certificati da produrre per il rilascio di abbonamenti del trasporto di persone (ferrovie, autobus, ecc.).

DPR 642/72 Tab. B art. 24

ESENTE

 

Certificati richiesti da organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS).

DPR 642/72 Tab. B art. 27bis

ESENTE

 

Rilascio libretto di lavoro e relative certificazioni

Legge 112/1935 art.12

ESENTE

 

Liquidazione e pagamento d’indennita’ e rendite INAIL

DPR 1124/1965

ESENTE

 

Invalidita’ civile ed accompagnamento

Legge 118/71

ESENTE

 

Documenti per controversie individuali di lavoro o rapporti di pubblico impiego

Legge 533/73 art.10

ESENTE

 

Certificati da presentare per procedimenti inerenti finanziamenti al medio e lungo termine già concessi e la loro esecuzione, modificazione ed estinzione. Sono soggetti a bollo i certificati necessari per la concessione del finanziamento (Ministero delle Finanze – Risoluzione 22.07.1996 n°159).

DPR 601/73 art. 15

ESENTE

 

Certificati da presentare per procedimenti inerenti: il credito all'artigianato, il credito cinematografico, il credito teatrale, il credito peschereccio già concessi e la loro esecuzione, modificazione ed estinzione. Sono soggetti a bollo i certificati necessari per la concessione del finanziamento (Ministero delle Finanze - Risoluzione 29.11.1989 n. 452200).

DPR 601/73 art. 16

ESENTE

 

Perfezionamento pratiche assicurative varie

DPR 601/73 art. 34

ESENTE

 

Certificati da produrre nell'ambito di procedimenti relativi a pensioni di

guerra.

DPR 915/78 art. 126

 

ESENTE

 

Rilascio libretto internazionale di famiglia

DM 18/10/78 art.6

ESENTE

 

Certificati da produrre nell'ambito di procedimenti relativi a liquidazioni di danni di guerra.

Legge 593/81 art. 12

ESENTE

 

Certificati rilasciati nell'ambito di pratiche per l'adozione e l'affidamento di minori.

Legge 184/83 art. 82

ESENTE

 

Risarcimento danni agricoli a seguito calamita’ naturali, benefici CEE e contributi AIMA

Legge 17/1984 art.7 bis

ESENTE

 

Certificati rilasciati per pratiche di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio).

Legge 74/87 art. 19

ESENTE

 

Certificati da produrre per la partecipazione a pubblici concorsi e graduatorie.

Legge 370/88 art. 1

ESENTE

 

Certificati rilasciati per l'iscrizione, la frequenza e gli esami nella scuola secondaria.

Duplicato di atti e documenti smarriti

Legge 405/90 art. 7

ESENTE

 

Atti relativi allo svolgimento di attivita’ di volontariato

Legge 266/91 art.8

ESENTE

 

Certificati rilasciati per attestare l'avvenuta variazione della toponomastica o della numerazione civica.

Legge 537/93 art. 16

ESENTE

 

Corsi di formazione professionale

Legge 127/97 art.3

ESENTE

 

Certificati rilasciati per ottenere il rilascio o il rinnovo della carta di soggiorno per cittadini comunitari.

DPR 54/2002 art. 5

ESENTE


 


 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof. Vincenzo Iannace