Progetti

Progetto #ioleggoperché

""Anche quest’anno il nostro Istituto partecipa all’iniziativa #ioleggoperché in collaborazione con Libriamoci (l’iniziativa del Centro per il libro e la lettura) e con il sostegno dell'AIE (Associazione Italiana Editori), del Centro per il libro e la lettura del MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo), dell’AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani – Confcommercio) e Confindustria Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo.

Leggi tutto: Progetto #ioleggoperché

Progetto Fuoriclasse

 

Bando per la selezione di esperti esterni                                             Avviso selezione studenti e modulo domanda ( Digital -Lab per il Web Marketing Turistico)

Avviso per la selezione di docenti interni                                            

Bando Fuoriclasse per azienda

 

DETERMINA Cusimano Docente esterno

DETERMINA Ferro Marzia Amministrativa

DETERMINA Valla Federica Amministrativa

DETERMINA Lucentini Tutor

DETERMINA AMODIO Progettista

                                                                  

 

FUORICLASSE

Digital - Lab per il Web Marketing Turistico

Il progetto si conforma in maniera specifica agli enunciati presenti all'Azione Cardine n.18 "Progetti speciali per le scuole", Asse I Occupazione e nell'Asse III "Istruzione e formazione" del POR FSE Lazio 2014/2020 e, in particolar modo, nell'ambito delle Priorità di investimento 8 ii) "Integrazione sostenibile nel mercato del lavoro dei giovani" e 10 i) a cui hanno fatto riferimento gli avvisi pubblici per la presentazione dei progetti nella linea FUORICLASSE, l’Istituto ha partecipato ed il progetto presentato è risultato ammesso e finanziabile.

Digital - Lab per il Web Marketing Turistico” sostiene la diffusione di forme di apprendimento basato sul lavoro di alta qualità che si posizionano nel cuore delle più recenti indicazioni europee in materia di istruzione e formazione e sono uno dei pilastri della strategia "Europa 2020" per una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva.

La proposta progettuale nasce da uno studio congiunto tra scuola e mondo del lavoro, in particolare tra l’Indirizzo Turismo del Darwin e l'Azienda Turistica Borgolingua, le attività progettuali sono rivolte agli studenti di tutti gli indirizzi del Darwin, max 25, che faranno richiesta di partecipazione, pur avendo il progetto una connotazione aziendale turistica . Il progetto si inserisce nelle attività di Alternanza Scuola lavoro con una valenza di max 100 ore formative.

Il progetto persegue una duplice finalità:

  • favorire le scelte professionali o di prosecuzione degli studi, degli allievi che parteciperanno, orientandoli attraverso il contatto diretto con il mondo del lavoro;

  • aumentare le opportunità di contatto fra il contesto scolastico e le realtà produttive della regione Lazio per incrementare l'acquisizione di competenze più specialistiche.

Tematica prioritaria del progetto è l’evoluzione dei processi e degli strumenti comunicativi in ambito turistico, tematiche che oggi giorno impongono la padronanza di nuovi metodi e la conoscenza approfondita di tutte le loro potenzialità. ll progressivo passaggio dal Web 2.0 al Web 3.0, l'integrazione sempre più forte tra Motore di Ricerca e Social Media, sta rivoluzionando la comunicazione via Internet, sviluppando un elevato livello di interazione che trova oggi nei Social Network la sua massima espressione. Riteniamo che sia fondamentale per i nostri studenti arrivare preparati ad affrontare il mondo del lavoro.Il progetto si compone di 5 fasi propedeutiche per strategie e finalità:

  • Individuazione, reclutamento e registrazione dei partecipanti;

  • Giornata di presentazione delle attività da svolgere e degli obiettivi da raggiungere;

  • Attività di laboratorio: formazione teorico/pratica e realizzazione di prodotti;

  • Esperienze professionali in ambito aziendale;

  • Giornata di chiusura del progetto e presentazione degli spot realizzati.

Centrale nelle 5 fasi del progetto sono le attività di laboratorio che prevedono due aree operative : l'Area Training Lab , e l'Area Interactive Lab. Nello specifico le attività di laboratorio consentiranno ai partecipanti di divenire autonomi nell'utilizzo di strumenti di SEO, SEM, Email marketing, Display advertising, local marketing, web analytics, web content management; di definire strategie di web marketing, di individuare e scegliere i canali di marketing online più adatti; di imparare ad usare i software e gli strumenti necessari per attivare campagne online e poterne poi misurare i risultati. Sono previsti inserti professionalizzanti e approcci lavorativi presso l'azienda Borgolingua specializzata nella gestione del turismo cinese. Queste attività costituiranno, un'occasione di apprendimento partecipativo, vivace e ricco di stimoli cognitivi. I partecipanti saranno messi in contatto diretto con esperienze e soluzioni adottate dall'azienda. Gli obiettivi progettuali in linea con l'avviso pubblico in oggetto si sostanziano nell' "Aumentare l'occupazione dei giovani, in particolare offrendo l'opportunità di prendere contatto con competenze professionali e il mondo del lavoro già durante il percorso di studi”. In virtù di quanto espresso il nostro progetto sostiene con i propri contenuti le finalità contemplate dall'Avviso "Fuoriclasse" attraverso la realizzazione di un percorso che prevede la realizzazione di attività specifiche e l'impiego di metodologie didattiche innovative finalizzate in linea generale a: potenziare e qualificare l'offerta formativa; esaltare la flessibilità legata al concetto di alternanza scuola lavoro; rispondere ai bisogni diversi degli alunni; offrire strumenti con una forte valenza orientativa, contrastare la dispersione scolastica.

 

Per questo motivo abbiamo ritenuto necessario rendere protagonisti i ragazzi, collocandoli al centro del processo d'apprendimento all'interno anche di contesti aziendali, cosi che dalla loro diretta partecipazione a questa esperienza polivalente possano scaturire azioni, iniziative di rispetto delle regole sociali e scolastiche ed inserimenti futuri e consapevoli nel mondo del lavoro.

Per il raggiungimento degli obiettivi ci si è concentrati su una area professionale propedeutica agli insegnamenti scolastici in essere, in via più specifica si punterà infatti: al miglioramento nelle capacità di comunicare in contesti aziendali a forte complessità e competitività; all'acquisizione di conoscenza relative a tecniche e strumenti atti ad ottimizzare le relazioni con gli "stakeholder''; alla comprensione approfondita delle particolarità del sistema turistico-alberghiero sotto il profilo della comunicazione; alle capacità di valutazione e misurazione di efficacia delle campagne di comunicazione, delle "public relations" e delle relazioni intra-organizzative. Al termine del percorso i partecipanti in linea generale saranno in possesso di avanzate competenze nel progettare e attuare piani di comunicazione di un territorio in funzione dei diversi target di riferimento con particolare riferimento alle istituzioni preposte alla integrazione, promozione e valorizzazione turistica.

Nello specifico in termini di conoscenza competenze ed abilità pratiche saranno in grado di:

  • Conoscere ed interpretare il mercato turistico e sviluppare strategie di comunicazione e promozione del territorio;

  • Definire il piano di comunicazione sulla base del destination marketing, sviluppando e gestendo flussi di comunicazione in aziende ed enti che si occupano di promozione e riqualificazione del territorio;

  • Conoscere ed applicare conoscenze relative all'uso delle nuove tecnologie,

  • Gestire le pubbliche relazioni, in particolare rispetto a media, sponsorizzazioni, fund raising.

Alla fine delle attività di laboratorio saranno presentati alla platea di insegnanti, allievi e genitori dell'istituto Darwin, i lavori realizzati dai partecipanti al progetto. Saranno esposti e commentati ed analizzati i risultati raggiunti, le criticità emerse, le aree di miglioramento la possibile ripetibilità futura della proposta.

Le risorse umane coinvolte nel progetto saranno docenti interni dell’istituto, esperti esterni, professionisti del settore che garantiranno elevata qualità nei contenuti e nelle metodologie didattiche grazie alla comprovata esperienza nella formazione. Saranno inoltre coinvolti testimonial di aziende, enti, organizzazioni leader. Tutte le figure lavorative coinvolte nel progetto saranno reclutate attraverso avvisi interni e bandi esterni come prevedono le indicazioni delle normative europee alle quali questo progetto si attiene.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetti Erasmus+

Il Darwin entra in Europa

L'Istituto Istruzione Superiore "Charles Darwin " di Roma entra in una dimensione "europea" per variare ed ampliare l'offerta formativa innovativa ed adeguarsi sempre più alle nuove tendenze e metodologie didattiche e tecnologiche. Il Dirigente scolastico, prof. Vincenzo Iannace, e un team di docenti accorti e sensibili all'importanza della formazione dei ragazzi in ambito Europeo, hanno aderito alla proposta della Commissione europea di presentare progetti innovativi nell'ambito dell'Erasmus + (o Erasmus Plus) che è il programma, valido dal 2014 al 2020, dedicato all'istruzione, alla formazione, alla gioventù e allo sport aperto a tutti i cittadini europei.

Due progetti, nell'ambito dalla azione KA2, Strategic Partnerships for school education, uno presentato dalla scuola Rumena “Liceul Charles Laugier” , dal titolo "Hard-Soft Skilling-Charting your career path" e l’altro presentato dalla scuola turca “TUNA ANADOLU SAGLIK MESLEK LISESI “dal titolo “Who is Knocking at my Door” sono stati approvati dalla Commissione europea.

I progetti, che coinvolgono Istituti Superiori in altri paesi Europei e che vede l’Istituto romano nel ruolo di scuola partner, rientra nel programma Erasmus+ 2014-2020 ed è gestito dalla Commissione Europea, Dipartimento Istruzione e Cultura, che fa riferimento in Italia all’Agenzia Indire

Tali progetti si svilupperanno nell’arco di due anni, nel corso dei quali gli studenti si incontreranno, collaboreranno tramite Internet e prepareranno gli incontri in ognuno dei paesi coinvolti.

Hard- Soft - Skilling your Career Path è una partnership strategica per la cooperazione, l'innovazione e lo scambio di buone pratiche tra le 8 scuole secondarie provenienti da Romania, Bulgaria, Francia, Portogallo, Spagna, Turchia, Germania e Italia , che va incontro a più di uno degli aspetti previsti nelle strategie " Europa 2020 " per la crescita e ET2020 . Lo scopo del progetto è l'integrazione di fondamentali competenze di apprendimento trasversali nel quadro dello sviluppo degli studenti delle scuole superiori di 14-19 anni, " di 8 paesi europei, con l'uso di metodologie e strumenti adeguati per facilitarne il processo.

I principali obiettivi del progetto sono:

  • Sviluppare l'occupabilità attraverso l'acquisizione di abilità di base facilmente trasferibili.

  • Massimizzare il potenziale di apprendimento, incoraggiando l'auto - riflessione e il pensiero critico su come utilizzare le queste abilità per tracciare il loro percorso di carriera, offrendo strumenti che gli studenti possono personalizzare e utilizzare per l'auto –promozione.

  • Sviluppare la consapevolezza della diversità delle opportunità del mercato del lavoro e di occupazione locali / nazionali / internazionali, dotando gli studenti di competenze di ricerca e metodiche di ricerca di lavoro.

  • Sviluppare strumenti innovativi per sostenere lo sviluppo continuo nei discenti di competenze altamente trasferibili, aumentando la loro motivazione, incoraggiandone la collaborazione e la condivisione delle esperienze, la promozione della creatività e della valutazione tra pari.

  • Sostenere gli insegnanti per mettere in pratica la capacità di lavorare in team interdisciplinari e multi- nazionali, con un impatto diretto sulla qualità dell'insegnamento attraverso la condivisione di metodi, strategie, idee e materiali .

Nel progetto “Who is Knocking at my Door” si parlerà della migrazione come opportunità e sfida. Le scuole partecipanti vogliono attirare l'attenzione degli studenti sull'alto valore della diversità culturale, per aumentare la consapevolezza dell'importanza della tolleranza nei confronti dei migranti e anche per invitare gli studenti, che sono o figli di immigrati o migranti stessi, ad integrarsi nelle società in cui ora vivono. Integrazione non significa rinunciare o perdere la propria identità culturale. Significa conoscere anche la cultura del luogo dove una persona vive.

Il nostro progetto cerca di risolvere il problema di una comune mancanza di consapevolezza della cultura degli "altri", i pregiudizi e gli stereotipi nei loro confronti, che porta alla esclusione sociale e all’ abbandono scolastico. Le scuole di tutta Europa stanno vedendo un aumento del numero di bambini nati e cresciuti in un altro paese. Questo può mettere pressione sulla capacità di insegnamento delle lingue e per molti bambini immigrati un ritardo nel rendimento scolastico. Gli studenti nati al di fuori dell'UE hanno il doppio delle probabilità di lasciare la scuola presto. Una maggiore diversità è un'opportunità per rendere le scuole più inclusiva, creativa e di mentalità aperta.

L'obiettivo principale di questo progetto è quello di promuovere il rispetto, la diversità e l'accettazione di " altri". Il progetto cercherà di insegnare agli studenti come lavorare insieme con studenti di altri paesi, in un ambiente di apprendimento non formale, di esplorare diversi concetti di diritti civili e responsabilità al fine di imparare a difendere i diritti e le libertà delle persone e delle comunità e di prendere coscienza di un senso di cittadinanza europea e di tolleranza.

Attraverso le attività gli studenti in primo luogo impareranno ad identificarsi, quindi ad affrontare i pregiudizi e gli stereotipi e alla fine a superarli. Tutto ciò sarà una sfida per gli studenti a capire come reagiscono di fronte a culture diverse dalla loro.

 

 

a.s. 2015/2016  Progetto  " Who is knocking at my door?

 

Esperienza ad Amburgo

My Erasmus experience in Greece was beautiful.pdf

Maggio

 


a.s. 2015/2016 Progetto  "HARD-SOFT SKILLING CHARTING YOUR CAREER PATH”

Gli insegnanti dei paesi coinvolti nel progetto Erasmus+ “Hard-Soft Skilling Charting your Career Path” hanno realizzato un corso online per apprendere le abilità trasversali.

Per scoprire le attività più significative vi invitiamo a visitare il sito web del progetto:

www.hardsoftskilling.charleslaugier.ro/

 

HSS newsletter 1

HSS newsletter 2

HSS newsletter 3

Newsletter Italia

conference in Craiova

Esperienza ERASMUS in Bulgaria

Newsletter information point after Bulgaria

 

 

 


Bentornati agli studenti e ai docenti dell' IISS Darwin che hanno partecipato alla prima esperienza di mobilità, nell'ambito del progetto Erasmus + : " Who is knocking at my door?" presso il Bayrampasa Tuna Lisesi di Istanbul dal 9 al 16 novembre 2014 e buon lavoro, in preparazione del prossimo incontro.

 

 


 CONTINUA L’AVVENTURA DEL DARWIN NEL PROGETTO EUROPEO

HARD-SOFT SKILLING CHARTING YOUR CAREER PATH”

Dopo la fase iniziale di individuazione delle esigenze formative relative alla costruzione di una carriera professionale dei ragazzi si passa alla progettazione di una serie di esperienze formative. Nel novembre scorso, presso il nostro istituto, in un primo incontro tra gli insegnanti delle scuole coinvolte, c’era stato un confronto sui contenuti e sulle modalità di lavoro. Ora si riparte!!! A Barcellona la prossima settimana si terrà una nuova riunione di insegnanti destinata ad analizzare ed elaborare le proposte metodologiche; per il nostro istituto parteciperanno le professoresse Carla Sbarbati e Giulia Chesi.

E poi finalmente gli studenti….A marzo in Portogallo alcuni alunni, accompagnati da due insegnanti, sperimenteranno di persona insieme ai loro compagni europei alcune delle proposte didattiche progettate.

 ___________________________________________________________________________________________________

PROGETTO ERASMUS PLUS

Hard-Soft Skilling Charting your Carrer Path”

PRESSO LA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE “Agrupamento de Escolas de Fundao” , Fundao, Portogallo 15-21 Marzo 2015

Hanno partecipato all’incontro 2-3 insegnanti per nazione (nazioni partecipanti: Germania, Italia, Portogallo, Spagna, Romania, Bulgaria e Francia) accompagnati da tre alunni.

La settimana si è articolata secondo un programma che alternava fasi di lavoro a scuola a visite a società della zona, oltre che uscite a Fundao e nel territorio circostante per apprezzare le bellezze della regione portoghese.

 ____________________________________________________________________________________________________

Newsletter 1

Newsletter 2

Newsletter 3

_____________________________________________________________________________________________________________________

I ragazzi della nostra scuola raccontano la loro esperienza

incontro a Fundao

the week at a glance Sweden

week at a glance in Belgium

week at a glance Istanbul

 

_______________________________________________________

adsc04193_risul...
adsc04193_risultato adsc04193_risultato
bdsc04418_risul...
bdsc04418_risultato bdsc04418_risultato
dsc04499_risult...
dsc04499_risultato dsc04499_risultato
istambul 2 nove...
istambul 2 novembre 2014 014_risultato istambul 2 novembre 2014 014_risultato
istambul 2 nove...
istambul 2 novembre 2014 040_risultato istambul 2 novembre 2014 040_risultato
istambul 2 nove...
istambul 2 novembre 2014 085_risultato istambul 2 novembre 2014 085_risultato
istanbul nov 20...
istanbul nov 2014 3 077_risultato istanbul nov 2014 3 077_risultato
istanbul novemb...
istanbul novembre 2014 131_risultato istanbul novembre 2014 131_risultato
istanbul novemb...
istanbul novembre 2014 168_risultato istanbul novembre 2014 168_risultato
20141127_145526...
20141127_145526_risultato 20141127_145526_risultato
20141128_100028...
20141128_100028_risultato 20141128_100028_risultato
fundao20150317_...
fundao20150317_150540 fundao20150317_150540
fundao20150317_...
fundao20150317_221048 fundao20150317_221048
fundao20150319_...
fundao20150319_114108 fundao20150319_114108

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piano Lauree Scientifiche

 
 Progetto 'Itinerari scientifici fra scuola università ed enti di ricerca'
 
referente prof.ssa Alessandra Caliciuri
 
 
""
 
Il progetto si propone di aderire ed attivare iniziative che portino gli studenti ad accostarsi ad argomenti di ultima generazione scientifica attraverso attività universitarie quali conferenze, partecipazione ai piani lauree scientifiche, dibattiti, laboratori, effettuati sia a scuola, sia presso i dipartimenti delle strutture universitarie (La Sapienza, Tor Vergata, Roma tre), che presso enti di ricerca come l'istituto nazionale di fisica nucleare (INFN), Frascati.
L'obiettivo è' quello di evitare un eccessivo divario fra l'istruzione scolastica superiore e quella universitaria affrontando in modo dinamico ed approfondito i temi di attualità scientifica nei medesimi luoghi dove essi vengono sviluppati.
 
 
Anche quest'anno il liceo del nostro istituto partecipa a molti dei Progetti Lauree Scientifiche (PLS) proposti dalla tre università di Roma.
 

Alcune informazioni:

Il Progetto Lauree Scientifiche (PLS) è promosso dalla Conferenza Nazionale dei Presidi delle Facoltà di Scienze e Tecnologie, dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dalla Confindustria ed intende potenziare l'offerta didattica nelle materie scientifiche nelle scuole e rafforzare i rapporti tra Scuola ed Università, da un lato, e tra Università e mondo del lavoro, dall’altro. Il progetto punta a migliorare il rapporto degli studenti con le materie scientifiche di base: matematica, fisica, chimica e scienze dei materiali, promuovendo la diffusione della cultura scientifica, incoraggiando i giovani ad intraprendere lo studio delle discipline scientifiche e le attività di orientamento che offrano l'opportunità di vivere un'esperienza diretta di cosa vuol dire "fare scienza".i

 
 

 

 

 
 

 

 

News a.s 2017/2018

20/10/2017

Prima escursione per 'Roma geologica' PLS Scienze della terrà La Sapienza. Per info vedi la pagina specifica

 

e alcune foto delle nostre attività 

 

image
image image
image2
image2 image2
image3
image3 image3
image12dic
image12dic image12dic
27 febbraio 201...
27 febbraio 2015 27 febbraio 2015
Master Class di...
Master Class di fisica delle particelle Master Class di fisica delle particelle
Conclusione PLS
Conclusione PLS Conclusione PLS
Conclusione PLS
Conclusione PLS Conclusione PLS
image1torvergat...
image1torvergata29maggio2015 image1torvergata29maggio2015
image2torvergat...
image2torvergata29maggio2015 image2torvergata29maggio2015
image3torvergat...
image3torvergata29maggio2015 image3torvergata29maggio2015
image4torvergat...
image4torvergata29maggio2015 image4torvergata29maggio2015
image5torvergat...
image5torvergata29maggio2015 image5torvergata29maggio2015
image6torvergat...
image6torvergata29maggio2015 image6torvergata29maggio2015
image7torvergat...
image7torvergata29maggio2015 image7torvergata29maggio2015
image8torvergat...
image8torvergata29maggio2015 image8torvergata29maggio2015
image9torvergat...
image9torvergata29maggio2015 image9torvergata29maggio2015

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

LEZIONI in Powerpoint

Spettroscopia UV-visibile

Spettroscopia IR

Spettrometria di Massa

Spettroscopia di Risonanza Magnetica Nucleare (NMR)

 

“Da William Gilbert a James Clerk Maxwell. L’era dell’elettricità” del Prof. Claudio Goletti (pdf)

 

"Il transistor, la diva del cinema muto e il computer a carbone" 26 maggio 2015  (pdf)

 

 

 

 

le immagini del MasterClass 2016 in fisica delle particelle :

Itinerari scientifici tra scuola, università e istituti di ricerca

 

museo scienze planetarie

referente prof.ssa Caliciuri

 

 

Il progetto si rivolge a tutti gli studenti delle classi del liceo scientifico.

Si propone di far approfondire tematiche curricolari o di ultima generazione scientifica attraverso l’interazione con docenti universitari, strutture universitarie (musei, laboratori, aule), istituti di ricerca scientifica e accogliendo, per corsi, progetti e laboratori, docenti universitari e ricercatori nella nostra struttura scolastica.

museo scienze planetarie

E’ previsto dunque un duplice scambio: la scuola all’università, l’università alla scuola

 

Strutture coinvolte: Università La Sapienza (Roma), Musei di scienze della terra università La Sapinenza (Roma), università Tor Vergata (Roma), Università Roma tre (Roma), Museo di scienze planetarie (fondazione Prato ricerche, Prato), Museo Civico di Storia Naturale (Milano).

 

Schema di massima delle attività:

·Partecipazione con le classi III di liceo al progetto ‘Meteoritica’ in collaborazione con l’università di Roma, la fondazione Prato ricerche ed il Museo civico di storia naturale di Milano, per l’allestimento a Prato di una mostra sui meteoriti nel periodo di maggio giugno 2014.

o 22 gennaio 2014 Visita a Prato, Museo di scienze planetarie (fondazione Prato ricerche). Preparazione all’allestimento della mostra e consegna materiale preliminare prodotto dagli studenti delle classi terze liceo. Intera giornata

o 26-27 febbraio 2014 Visita al Museo Civico di Storia Naturale di Milano, per coordinamento allestimento mostra.

o Fine maggio, visita a Prato, Museo di scienze planetarie (fondazione Prato ricerche) per inaugurazione mostra.

·Partecipazione al progetto UNISCUOLA (IVA)organizzato da L.U.D.I.S. e Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche dell’Università di Roma Tor Vergata

o 4 febbraio 2014 ‘Accadueo’

o 11 marzo 2014 ‘chimica e provette’

  • Conferenze di docenti universitari o ricercatori presso le strutture universitarie o degli enti di ricerca (INFN)

    • 25-10-2013 INFN ‘Le idee fondamentali della fisica delle particelle’-Michelangelo Mangano (CERN)

    • 2-04-2014 Teatro Argentina ‘dalla fisica al cervello umano’-prof. Federico Giove (Università la Sapienza di Roma)

  • Conferenze o lezioni di docenti universitari o ricercatori presso le strutture scolastiche

    • 10-17-24 febbraio, Gianni Battimelli: ‘Lezione di relatività speciale e meccanica quantistica’

  • Visita ai musei universitari università ‘La Sapienza’ di Roma (fisica, chimica, mineralogia, paleontologia…)

  • Utilizzo dei laboratori di fisica della scuola attraverso esperienze organizzate da docenti universitari

  • Partecipazione degli studenti ai progetti lauree scientifiche (PLS) organizzate dalle università facoltà di matematica e fisica

museo scienze planetarie

 
 

		Battimelli lezioni di relatività e meccanica quantistica
Battimelli lezioni di relatività e meccanica quantistica

 

Battimelli lezioni di relatività e meccanica quantistica

Battimelli lezioni di relatività e meccanica quantistica

 

Cammino verso l’uguaglianza sociale, violenza contro le donne

referente prof.ssa Varalta

 

Il progetto s’inserisce nell’ambito delle attività di Educazione ai diritti umani ideate da Amnesty International, che considera tali attività lo strumento principale attraverso cui promuovere la conoscenza e l’adesione, responsabile e attiva, ai valori contenuti nella Dichiarazione universale e negli altri strumenti internazionali in materia di diritti umani.

 

L’Educazione ai diritti umani non è realizzata attraverso una semplice trasmissione di informazioni e conoscenze su questi argomenti.

Lo scopo principale è quello di far prendere coscienza a ciascuno della propria dignità di essere umano, portatore, come tale, di diritti e creare i presupposti per una cultura della comprensione e del rispetto reciproco;

Lo scopo è di educare i ragazzi ad assumere opinioni, atteggiamenti e comportamenti che conducono a rispettare se stessi e gli altri, in ogni circostanza e condizione in quanto anch’essi esseri umani, a prescindere da qualsiasi distinzione di carattere sessuale, origine etnica, religione.

Questo progetto si articola in vari percorsi che riguardano i diritti delle donne, perché molte delle violazioni che donne e bambine subiscono, solamente per il fatto di essere di sesso femminile, sono violazioni di diritti umani fondamen- tali sanciti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Le violazioni che subiscono donne e bambine sono le più diverse e compren- dono violazioni di diritti civili, politici, economici, sociali e culturali.

La discriminazione assume a volte aspetti drammatici e sfocia nella violenza. La violenza contro le donne è una delle violazioni dei diritti umani più invasiva e diffusa e, in alcuni casi, la più nascosta.

Il progetto si articola in tre diversi percorsi didattici che presentano e svilup pano diverse tematiche, da svolgere nelle classi del biennio e del triennio e si conclude con una attività di sintesi finale (un testo argomentativo o anche un elaborato artistico ), con la quale i ragazzi esprimono le loro riflessioni su quanto appreso, sui sentimenti e le impressioni che le attività svolte hanno suscitato.

 

 

Finalità

 

• Acquisire la consapevolezza degli ostacoli sociali e culturali che, nelle diverse società, impediscono il pieno raggiungimento delle pari opportunità;

• Interiorizzare e tradurre nel proprio vissuto l’idea dell’identico valore di tutti gli esseri umani indipendentemente dal genere.

 

Abilità

• Utilizzare in modo efficace differenti fonti e modalità di informazione;

• Comprendere e rielaborare messaggi testuali,informatici e/o multimediali di genere e complessità diversa, trasmessi con vari tipi di linguaggio;

• Comprendere e riconoscere i messaggi impliciti ed espliciti nel linguaggio dei media;

• Acquisire ed interpretare criticamente le informazioni ricevute valutandone l’attendibilità e distinguendo tra fatti e opinioni;

• Individuare, analizzare e saper esporre, utilizzando linguaggi diversi, le problematiche legate al tema dei diritti umani, delle violazioni e delle disuguaglianze;

• Contribuire alla realizzazione di lavori comuni;

• Individuare i modelli culturali maschili e femminili e interrogarsi sulla rispondenza di quei modelli con i propri autentici bisogni individuali.

 

Competenze di Cittadinanza

Collaborare e partecipare

• Sapere interagire in gruppo e relazionarsi con i coetanei di entrambi i sessi superando eventuali pregiudizi di genere indotti da modelli familiari e sociali.

• Comprendere i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità e gestendo la conflittualità.

• Contribuire all’apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive.

Agire in modo autonomo e responsabile

• Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità; riconoscere

e superare gli stereotipi culturali legati al ruolo maschile e femminile.

 

Metodi

• Lettura ed analisi di testi ed esercizi di comprensione e approfondimento

• Visione e produzione di materiale audiovisivo

• Discussioni guidate

• Giochi di ruolo

• Lavoro individuale di ricerca e raccolta dati

• Raccolta ed analisi di articoli di giornali e di immagini

 

itinerario 1. essere maschio, essere femmina

 

Il percorso si articola in “giochi di ruolo”, letture di articoli, interviste:

  • per verificare quali sono le idee della classe sui ruoli maschile e femminile e fare emergere i luoghi comuni e i preconcetti;

  • stimolare i ragazzi ad esaminare le proprie percezioni sulle differenze di trattamento nella società tra uomini e donne e sui luoghi comuni e preconcetti legati al ruolo della donna e dell’uomo;

  • prendere coscienza di come si sono modificate del tempo le idee sul ruolo della donna attraverso un confronto con la realtà di oggi per riflettere sull’evolu- zione della società, sempre possibile in qualsiasi momento e in qualsiasi cultura. Per approfondire questo aspetto gli alunni potranno elaborare ed effettuare una intervista alle nonne o a persone conosciute che erano giovani negli anni ’60, focalizzate sui rapporti con i genitori, gli amici ed evidenziare cosa era permesso alle ragazze, cosa invece proibito e quali erano i comportamenti richiesti.

  • Il percorso continua con gli stereotipi che hanno a lungo influenzato e ancora condizionano la vita delle donne e la loro partecipazione alla realtà economica e politica dei loro paesi: si propone la lettura di articoli che analizzano il ruolo degli stereotipi nell’esclusione delle donne .

 

  • Come attività finale è prevista la visione di un film come ad esempio Monna Lisa Smile o An Education che, in maniera molto garbata, focalizza la contraddizione tra stereotipi e aspirazioni personali.

 

 

itinerario 2. il cammino verso l’uguaglianza sociale ed economica

 

  • Il percorso inizia con una testimonianza sulla vita delle ragazze e più in generale sulla situazione delle donne negli anni ’70 .

  • Si approfondisce poi il ruolo dei movimenti femministi degli anni ’70 e la loro lotta per l’uguaglianza sociale ed economica

  • Vengono poi fornite alcune informazioni sul diritto di famiglia dopo l’adozione della nuova normativa che ha abolito la potestà maritale.

  • Si approfondiscono quindi alcuni aspetti di uno dei punti critici della disparità uomo – donna che esistono oggi in Italia: l’ambito lavorativo.

- Si riflette poi con i ragazzi sulle difficoltà lavorative delle donne soprattutto con figli, attraverso la lettura di alcune storie sul tema lavoro e maternità e si mettono in luce eventuali stereotipi legati al lavoro femminile.

  • L’itinerario si può concludere con una riflessione sugli altri diritti che vengono negati alle donne dalle legislazioni nazionali di alcuni paesi. In Arabia Saudita ( le donne non possono avere la patente e guidare la macchina ), Marocco ( fino a qualche anno fa, le donne potevano lavorare solo con il permesso del marito) , in alcuni paesi africani le donne non possono ereditare e non possono essere proprietarie di beni. E vi sono altri paesi in cui le donne non possono ottenere la carta d’identità o qualsiasi altro documento ufficiale senza la firma del marito, oppure non possono vendere, acquistare, chiedere prestiti o avere attività commerciali. Sono a tutti gli effetti dipendenti e subordinate agli uomini della loro famiglia. Gli studenti dovranno reperire informazioni sulla vita delle donne in vari paesi del mondo, discutendone poi con l’insegnante.

  • L’itinerario può essere completato dalla visione di un film come ad esempio Mi piace lavorare di Cristina Comencini o Funny Money di Donald Petrie e We want sex di N. Cole.

 

itinerario 3. la violenza contro le donne

 

Il primo aspetto che si vuole trattare è la violenza domestica.

Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la violenza domestica è “ogni forma di violenza fisica, psicologica o sessuale che riguarda tanto soggetti che hanno, hanno avuto o si propongono di avere una relazione intima di coppia, quanto soggetti che all’interno di un nucleo familiare più o meno allargato hanno relazioni di carattere parentale o afffettivo”.

In italia il fenomeno è stato a lungo relegato all’interno delle mura domestiche e consi- derato una questione privata su cui non era opportuno intervenire, e solo di recente ha iniziato ad avere rilevanza pubblica e anche giuridica.

I giornali riportano ormai con una certa frequenza ‘drammi familiari’ cruenti: nel 2011, 137 donne sono state uccise dal proprio marito, compagno o ex convivente. Questi episodi non sono altro che la punta visibile di un sommerso di violenza e prevaricazioni spesso taciuto e nascosto.

- Viene proposta la lettura di storie che riguardano il tema della violenza domestica, “ giochi di ruolo” e la visione dello speciale del TG1 del 14 luglio 2013.

- Segue schede di approfondimento sul fenomeno della violenza domestica, ricavate da fonti nazionali ed internazionali, nonché da testimonianze di donne vittime di abusi da parte del marito e testimonianze di alcuni uomini violenti.

- Per concludere l’argomento si propone un’attività ispirata alla prima campagna sostenuta dall’Unione Europea per contrastare la violenza domestica nei paesi dell’Unione, Rompere il silenzio

 

  • Un altro aspetto della violenza che si vuole trattare, attraverso la lettura di testimo- nianze e di testi tratti dal sito dell’Acnur, è la violenza legata ai conflitti e, quindi, le conseguenze della guerra sulle donne e le violenze di cui sono vittime le donne rifugiate nei campi profughi.

  • L’itinerario può essere completato dalla visione di un film come ad esempio E ora dove andiamo, N. Labaki, Francia/ Libano/ Egitto/ Italia 2011 o Giardino dei limoni (il), E. Riklis, Israele/ Germania/ Francia 2008 e Fiori di kirkuk (i), F. Kamkari, Italia/ Svizzera/ Iraq 2010.

 

Ciascuno dei tre itinerari prevede uno svolgimento in orario pomeridiano di circa 8 ore per classe, più eventuali integrazioni in orario curricolare ; il 1° itinerario è viene proposto alle classi del biennio, il 2° e il 3° a quelle del triennio

Incontri e colloqui con i rappresentanti regionali

referente prof.ssa Varalta

Olimpiadi di Italiano

referente prof.ssa Damiani

 

CLIL – Work in progress: Insegnamento della St. Arte in lingua Inglese

referente prof.ssa D'Antonio

 

“CLIL: work in progress” è il progetto di attività presentato per l’anno scolastico 2013-2014 per introdurre in via sperimentale la metodologia CLIL nel nostro Istituto.

Sono interessate le classi 4 B e 4 C dell’indirizzo Turismo, nelle quali il 15% circa delle lezioni di Arte e territorio di quest’anno saranno svolte con metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning).

Introdurre il CLIL non significa semplicemente insegnare la disciplina - in questo caso Arte – utilizzando un’altra lingua – in questo caso Inglese – ma contemporaneamente curare e potenziare l’acquisizione di conoscenze e abilità di entrambe le discipline interessate. Proprio a questo proposito è indispensabile, in fase di progettazione delle attività e di successiva valutazione dei risultati, la collaborazione tra le docenti delle due materie.

I tre moduli progettati, collegati ai programmi disciplinari, ma di carattere prevalentemente laboratoriale e con specifiche attività sul territorio, sono in corso di svolgimento.

Leggere e raccontare l'arte

foto progetto

referente prof.ssa D'Antonio

È un laboratorio didattico proposto dalla Soprintendenza archeologica di Roma, con l’obiettivo di avvicinare gli studenti delle scuole superiori alla realtà museale.

È coinvolta la classe III E dell’indirizzo Turismo con la guida della docente di Arte e territorio.

Il progetto prevede attività di studio e di laboratorio: lezioni introduttive tenute da esperti della Sovrintendenza, visita ad un museo, attività di ricerca ed elaborazione di schede di “lettura” dell’opera d’arte e – in conclusione - visite al museo guidate dagli studenti per altre classi dell’Istituto.

Al termine dell’esperienza gli studenti saranno in grado di comunicare efficacemente contenuti specialistici relativi alle caratteristiche della struttura museale prescelta (Museo Nazionale Romano - Palazzo Altemps)